CategoriesLa cucina di Checco

Pizza Margherita

“Fatte ‘na pizza c’a pummarola ‘ncoppa, vedrai che il mondo ti sorriderà” recitava Pino Daniele in una delle sue canzoni più celebri…ed aveva proprio ragione! Bastano pochi, semplici ingredienti (e un amore immenso) per riempire in maniera esaustiva il nostro stomaco e regalarci quell’espressione di soddisfazione spesso invidiabile. “Sì, ma la vera pizza la puoi assaporare solo nelle pizzerie di Napoli!”, qualcuno potrebbe obiettare! Con questa “provocazione” la nostra rubrica fa proprio l’ardire di dimostrare che con la giusta passione (e qualche segreto) la Pizza Margherita può essere squisita anche fatta in casa!

[Cenno storico: Una diffusa credenza vuole che nel giugno 1889, per onorare la Regina d’Italia, Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito della Pizzeria Brandi inventò una pietanza che chiamò proprio “Pizza Margherita” in cui i condimenti (pomodoro, mozzarella e basilico) ricordavano la bandiera italiana.]

 

Ingredienti

200 g di Farina manitoba
300 g di Farina 00
300 ml di Acqua
35 g di Olio extravergine d’oliva Punzo
10 g di Sale fino
5 g di Lievito di birra fresco

(Per condire)
500 g di polpa di pomodoro
400 g di Fiordilatte
1 cucchiaio di Origano secco
1 cucchiaino di Sale fino
Basilico q.b.
Olio extravergine d’oliva Punzo q.b.

 

Preparazione

  1. Versare l’acqua a temperatura ambiente in una brocca, aggiungere il lievito e mescolare con un cucchiaino in modo da farlo sciogliere completamente.
  2. Quindi in una ciotola unite le due farine.
  3. Poi aggiungete circa metà dell’acqua a filo impastando man mano con le mani. Unire anche il sale e la parte restante di acqua. Continuare a lavorare il composto con le mani fino ad ottenere un risultato uniforme.
  4. A questo punto aggiungere anche l’olio extravergine d’oliva Punzo, sempre a filo, continuando ad impastare in modo da favorirne l’assorbimento. Trasferire poi l’impasto su un piano e lavorarlo energicamente per qualche minuto fino a che non risulterà liscio ed elastico.
  5. Lasciarlo poi riposare sul piano da lavoro per 10 minuti coprendolo con una ciotola.
  6. Una volta riposato dargli una piccola piega: immaginare che la sfera sia divisa in 4 parti, prendere l’estremità di ognuna, tirarla delicatamente e ripiegarla verso il centro, infine dargli la forma di una sfera.
  7. Trasferire l’impasto così formato in una ciotola, coprire con pellicola trasparente e lasciare lievitare per 2 ore.
  8. Nel frattempo preriscaldare il forno a 250° in modalità statica.
  9. Porre un colino su una ciotola e con le mani sfilacciare la mozzarella posizionandola man mano nel colino: In questo modo perderà tutto il siero in eccesso.
  10. Versare la polpa di pomodoro in un’altra ciotola e condirla con il sale, un giro d’olio extravergine d’oliva Punzo e l’origano.
  11. Spolverizzare il piano da lavoro con un po’ di farina e porre l’impasto precedentemente lievitato per stenderlo a forma di disco.
  12. Ungere leggermente una teglia del diametro di 28 cm e posizionare l’impasto all’interno aiutandosi con le mani per donargli una forma regolare.
  13. Cospargere con metà del pomodoro e cuocere in forno statico preriscaldato a 250° per 6-7 minuti, sul ripiano centrale.
  14. Trascorso questo tempo, sfornare la pizza, aggiungere il fiordilatte e infornare nuovamente per 6-7 minuti alla stessa temperatura.
  15. Quindi sfornare la vostra pizza margherita e guarnire con le foglioline di basilico fresco.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.