CategoriesLa cucina di Checco

Spaghetti alla carbonara

Vicolo della Scrofa: il nome di una strada della Capitale, dove nel 1944, in una vecchia trattoria, la cucina tipica italiana incontra la stravaganza degli ingredienti portati dagli alleati americani: il bacon (poi guanciale o pancetta) e le uova abbracciano i sapori nostrani della pasta e del pecorino romano (poi parmigiano reggiano). Il risultato è questa squisitezza che andiamo di seguito a proporre, appositamente nel giorno in cui ricordiamo la liberazione dagli oppressori nazisti.

[curiosità: il nome è legato alla presenza del pepe nero macinato sopra il piatto di portata che ricorda la polvere di carbone, depositata accidentalmente dai lavoratori delle miniere quando lo preparavano.]

Ingredienti (dosi per 4 persone)

320 g di spaghetti N°5
150 g di guanciale
6 tuorli di uova medie
50 g di pecorino romano
30 ml di olio extravergine d’oliva Punzo
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.

Preparazione

  1.  Mettere sul fuoco una pentola d’acqua salata per cuocere la pasta.
  2.  Preparare il guanciale: togliere la cotenna e tagliarlo prima a striscioline sottili, poi a pezzetti.
    N.B.: Se durante la pratica vedete vostro figlio di 7 anni che vi guarda sconvolto, tipo spettatore di un film horror, vuol dire che l’equivoco è in corso di realizzazione: state facendo a pezzettini il cuscino!
  3.  Versare l’olio extravergine d’oliva Punzo in una padella e farlo riscaldare per un paio di minuti; poi porre i pezzetti di guanciale per rosolarli per 7-8 minuti a fiamma vivace.
  4.  Tuffate gli spaghetti nella pentola di acqua bollente e, appena cotti, scolateli direttamente in padella, tenendo da parte l’acqua di cottura.
    P.S.: Il duro allenamento con Tania Cagnotto li renderà pronti per affrontare la severa giuria composta da nonno
    Ciccio, zia Carmela e donna Giuseppina, la cara vicina.
  5.  Far saltare gli spaghetti per insaporirli, aggiustando con un pizzico di sale e un po’ di pepe nero.
  6.  A fuoco spento aggiungere i tuorli d’uova e mescolare velocemente.
  7.  Mantecare il tutto con la pioggia di pecorino e pepe nero a piacimento.
    N.B.: Spesso al pecorino si preferisce il
    parmigiano reggiano. La differenza fra i due formaggi è constatabile dalla…posizione.
  8.  Mescolare per amalgamare bene i sapori.
  9.  Cuocere a fuoco lento il tutto per creare la tipica cremina.
  10.  Gli spaghetti alla Carbonara sono pronti per essere subito gustati!

 
Consiglio: Per un piatto così ricco di sapori misti e di ingredienti corposi, si consiglia di abbinare un vino morbido e leggero come un Prosecco, ideale contro la depressione, a detta di nonno Ciccio, che qui cito testualmente: “Che me ne faccio dello psicologo quando a disposizione ho l’enologo!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *